venerdì 14 febbraio 2014

Crostata al cioccolato di Ernst Knam

Premetto che io e il mio Ciccio non festeggiamo San Valentino, anzi, specifichiamo: lo trasformiamo in un'altra opportunità per darci alla pazza gioia, sbafando qualcosa di particolare. Assolutamente non ci scambiamo regali...anche se non mi dispiacerebbe ricevere una valentina stile Charlie Brown, ma fino ad ora non ne ho vista una!
Tutto questo per dire che, nel clima paciatorio di San Valentino, questa crostata cade a fagiuolo: se penso infatti alla tenerezza e all'amore mi viene in mente il cioccolato.
Questo dolce l'ho visto per la prima volta qui, e prendendo spunto da quanto scrive Martina, ho pensato bene di non rimuoverlo dalla base dello stampo onde evitare catastrofi (il dolce è stato commissionato da mio papà, quindi doveva rimanere integro): sono una regina nel bruciare i biscotti, quindi ogni consiglio è ben accetto.
Il dolce è stato sfornato alle 17:18 e per le 18 doveva essere consegnato, quindi mi scuso per le foto frettolose e un po' scure; la luce è cambiata velocemente e poi non sono proprio una maga a bilanciare il bianco, ecco!

Per la ricetta vi rimando al blog di Martina: trattandosi di un dolce d'autore non ho cambiato di una virgola ingredienti e procedimento.


Nessun commento:

Posta un commento