sabato 8 marzo 2014

Per "UnLampoNelCuore": bicchierini vaniglia e lampone (gluten free)

Anche oggi non sto molto bene: da una settimana circa ho un'emicrania che non mi abbandona mai.
Oggi però è anche una giornata importante, non solo per i fioristi intendo: evitando inutili slanci retorici, mi sembra corretto ricordare la festa della donna con un gesto piccolo, per me, ma importante per far conoscere le donne di Bratunac e la loro Cooperativa Agricola.


Con questa iniziativa, i food blogger che aderiscono a "unlamponelcuore" intendono far conoscere il progetto "lamponi di pace"  della Cooperativa Agricola Insieme (http://coop-insieme.com/), nata nel giugno del 2003 per favorire il ritorno a casa delle donne di Bratunac, dopo la deportazione successiva al massacro di Srebrenica, nel quale le truppe di Radko Mladic uccisero tutti i loro mariti e i loro figli maschi. Per aiutare e sostenere il rientro nelle loro terre devastate dalla guerra civile, dopo circa dieci anni di permanenza nei campi profughi, è nato questo progetto, mirato a riattivare un sistema di microeconomia basato sul recupero dell'antica coltura dei lamponi e sull'organizzazione delle famiglie in piccole cooperative, al fine di ricostruire la trama di un tessuto sociale fondato sull'aiuto reciproco, sul mutuo sostegno e sulla collaborazione di tutti. A distanza di oltre dieci anni dall'inaugurazione del progetto, il sogno di questa cooperativa è diventato una realtà viva e vitale, capace di vita autonoma e simbolo concreto della trasformazione della parola "ritorno" nella scelta del "restare". 

Ieri, durante l'attesa in sala d'aspetto dal medico, ho letto un articolo di Serena Dandini su D, che parlava appunto dello scollamento tra il rituale festeggiamento dell'8 marzo e la situazione reale vissuta dalle donne sulla loro pelle, quotidianamente. Non si riferiva a condizioni estreme (in merito consiglio la visione dei documentari di "Half the Sky" trasmessi recentemente anche su laF), ma a quello che succede nella civilizzata Europa e al caso specifico della Spagna, dove si sta mettendo in discussione la legge sull'aborto, che diventerebbe possibile solo in casi estremi, nemmeno per accertata malformazione del feto. Non bisogna andare molto lontano...il mondo del lavoro in Italia ne è una prova: sembra una frase fatta, e forse lo è, ma è anche la mia esperienza diretta: certi atteggiamenti misogini sono a volte talmente radicati da essere invisibili agli stessi maschi. Mi fermo qui.












































La ricetta che vi propongo è semplicissima...in freezer ho sempre un po' di pan di Spagna, che solitamente preparo in dosi industriali, in frigo ho della ricotta e della bagna al ruhm, in dispensa non manca mai l'aroma alla vaniglia...unico elemento, diciamo così, estraneo, sono i lamponi, che ho trasformato in coulis e poi in gelatina.

Ingredienti per 4 bicchierini:
PAN DI SPAGNA (con questa dose potete fare scorta per le prossime preparazioni dolci)
4 uova (medie, peso indicativo cad. 50-55g)
120g zucchero semolato
60g amido di mais o fecola di patate
60g farina 00 (per la versione gluten free sostituibile con altro amido)
CREMA ALLA VANIGLIA
200g ricotta
15g zucchero a velo
qb vaniglia in polvere
GELATINA AI LAMPONI
250g lamponi
qb succo di limone
qb ruhm
1 foglio di colla di pesce (ho usato la Paneangeli)
BAGNA AL RUHM
200g acqua
100g zucchero
100g ruhm



Procedimento:
PER IL PAN DI SPAGNA
1. imburrare e infarinare una teglia rettangolare di medie dimensioni (piccola per un Pan di Spagna alto, larga per uno basso)
2. con la planetaria munita di frusta montate le uova a temperatura ambiente con lo zucchero fino a quando non saranno chiare e ben spumose (potete verificare la correttezza della montata quando riuscirete a "scrivere" con l'impasto); contemporaneamente preriscaldate il forno a 180°C (ventilato) 
3. unite poco alla volta la fecola e la farina, precedentemente miscelate e setacciate. Il movimento per non smontare l'impasto è il classico, dal basso verso l'alto, ruotando la ciotola per distribuire uniformemente le farine
4. versate l'impasto nella teglia, maneggiandolo il meno possibile per evitare di smontarlo
5. cuocete per circa 25'-30'
6. quando sfornato, capovolgere il pan di Spagna in modo da ottenere una superficie livellata. Far raffreddare e poi surgelare

PER LA CREMA ALLA VANIGLIA
1. settacciare la ricotta, unire lo zucchero a velo e la vaniglia in polvere; mettere in frigo

PER LA BAGNA AL RUHM (come da post precedente per la bagna al maraschino)

PER LA GELATINA AL LAMPONE 
(preparare dopo aver riempito i bicchierini con la crema di vaniglia - vedi sotto)
1. frullare i lamponi con qualche goccia di limone, settacciarli per ottenere un coulis
2. ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda 
3. scaldare 3 cucchiai d'acqua con il ruhm, a bollore, incorporare la colla di pesce ammorbidita
4. unire acqua+ruhm+colla di pesce al coulis di lamponi  

Assemblaggio del bicchierino
A. prendere il pan di Spagna surgelato: tagliare a cubetti una fetta per ogni bicchierino
B. bagnare il pan di Spagna con la bagna al ruhm
C. mettere la crema di ricotta in un sac-a-poche e versarla sopra il pan di Spagna
D. mettere in freezer a far rapprendere
E. versare la gelatina sulla crema di vaniglia; mettere in freezer a far rapprendere, poi spostare in frigo
F. prima di servire decorare con delle foglie di melissa


16 commenti:

  1. anche per te bicchierini :) i tuoi sono bellissimi, come bellissima è questa iniziativa a cui abbiamo partecipato così numerosi!
    alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo ancora visto la tua ricetta (sono tantissime!): i nostri bicchierini sono praticamente identici, visivamente, ma gli ingredienti no, dai! Hai ragione, quest'iniziativa è veramente bellissima: è stato un onore partecipare. Grazie mille per la visita :)

      Elimina
  2. Speriamo che il nostro contributo possa essere un piccolo aiuto!
    Ti scopro grazie a questa iniziativa, vedo che hai questo blog da pochissimo.
    Mi piace il tuo stile, quindi ti seguirò!
    Ciao
    Elisa
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, il mio blog è ancora un timido virgulto, speriamo cresca bene.
      Grazie per i complimenti e per essere passata. A presto :)

      Elimina
  3. Felice di averti conosciuta attraverso questa bellissima iniziativa, mi piace tantissimo il tuo stile solare ed allegro, complimenti per il blog.
    Speriamo che ci siano tante occasioni come questa per diffondere messaggi positivi.
    Buona giornata
    Enrica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Enrica, grazie per la visita e i complimenti :)
      Quest'iniziativa è stata bellissima; ho conosciuto tante persone aperte alla condivisione e alla collaborazione: il clima perfetto per far conoscere un progetto ispirato proprio a questi principi. A presto!

      Elimina
  4. deliziosi i tuoi biccheirini e felice di conoscerti, visto che siamo bella stessa squadra! complimenti, da oggi ti seguo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ale, grazie mille per i complimenti. A presto :)

      Elimina
  5. Ciao Chiara,
    non sapevo che alla fine ti fossi buttata nella blogsfera!
    Benvenuta e complimenti per il lavoro fatto!!
    Resterò sintonizzata ;) Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille!
      Visto...per una volta mi sono lanciata anch'io e sono contentissima di averlo fatto.
      A prestissimo :)

      Elimina
  6. Che belli, complimenti e grazie di aver condiviso questa esperienza . Ciao, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo unirmi ai tuoi followers, ma google questa sera da i numeri e non me lo lascia fare , ripasserò sicuramente .

      Elimina
    2. Grazie mille! Spero ci siano altre esperienze simili, è stato molto bello partecipare.

      Ultimamente ho problemi anch'io con Google, mah! A presto :)

      Elimina
    3. eccomi, sono riuscita ( cambiando browser )

      Elimina