giovedì 4 settembre 2014

Liquore alle prugne selvatiche e vaniglia

Non è semplice trovare un corollario al post, una nota introduttiva coerente che sappia esaltare la ricetta che s'intende proporre. Poi oggi sono un po' debilitata: lo studio pazzo e disperatissimo, la micia che non mangia da tre giorni (...aspettiamo i risultati della cura del veterinario!), il tempo che onestamente fa pietà.
Peccato non trovare uno spunto gagliardo perché la ricetta di oggi è beverina e aiuta a chiudere degnamente ogni cenetta che si rispetti: mi riferisco genericamente ai meravigliosi liquori fatti in casa! Devo ringraziare la mia amica Claudia per avermi aperto un mondo di possibilità; quindi quando la mia vicina di casa mi ha regalato tonnellate di prugne selvatiche non ho avuto dubbi sul come utilizzarle, visto poi il poco tempo per imbastire una confettura.
Le prugne selvatiche sono particolarmente aspre quindi ho addolcito con la vaniglia: il risultato è inconsueto, ma piacevole...il colore poi è stupendo!












































Ingredienti
500ml alcool 90°
400g prugne selvatiche
600ml acqua
250g zucchero semolato
1 baccello di vaniglia Bourbon

Procedimento
1. Lavate bene e fate asciugare un contenitore ermetico o una bottiglia in vetro sufficientemente capiente (dovrà contenere l'alcool e le prugne selvatiche);
2. lavate e asciugate molto bene le prugne, tagliatele a metà e spostatele nel contenitore ermetico/bottiglia in vetro (non ho tolto il nocciolo);
3. coprite la frutta con l'alcool (per evitare formazione di muffe!) e aggiungete il baccello aperto di vaniglia;
4. lasciate in infusione al buio per non meno di mese, scuotendo il contenitore di tanto in tanto;
5. trascorso il tempo indicato, preparare uno sciroppo con 600ml di acqua e 250g di zucchero semolato;
6. mentre fate raffreddare lo sciroppo fino a temperatura ambiente, sterilizzate un paio di bottiglie in vetro mettendole in forno a 120°C per 20 minuti, dopo averle lavate e asciugate accuratamente;
7. unite alcool allo sciroppo freddo;
8. filtrate il tutto per rimuovere le impurità, quindi imbottigliate (io veramente imbottiglio e poi aspetto un paio di giorni per filtrare in modo che il deposito si separi bene);
9. riporre le bottiglie al buio e far riposare per non meno di due settimane (aspettando però il gusto migliora!).

Conservo in freezer i liquori perchè li amo particolarmente freddi, ma potete anche consumarli a temperatura ambiente.

Nessun commento:

Posta un commento